Let's Sew!
Bentornata/benvenuta sul tuo Forum di Cucito!
Connettiti o registrati per partecipare al Forum

artigianale vs industriale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

artigianale vs industriale

Messaggio  Elentari il Lun Feb 13 2017, 15:08

Ciao!

Sono iscritta da parecchi mesi, ma per ora ho solo spulciato il forum (complimenti a tutte e tutti, siete eccezionali!).

Mi scuso per la lunghezza del post, ma ho davvero dei grandi dubbi!

Seguo un corso di taglio cucito e modellistica amatoriale (senza attestato) da un anno, e mi piace molto sia la realizzazione del cartamodello (usiamo un metodo geometrico) che la confezione.
Il mio sogno sarebbe realizzare capi su misura con metodo più possibile artigianale (tipo sarta in casa di una volta, al massimo un laboratorio con piccola vetrina).

Cercando di entrare in questo mondo lavorativo, ho fatto 2 mesi "a bottega" (ovvero stavo lì a tirare punti molli e imbastiture per prima prova gratis) in un'importante sartoria maschile che ancora usa un metodo artigianale. E' stato molto interessante,anche se la mia passione è la sartoria femminile.
Adesso ho una proposta dello stesso tipo ma in una piccola ditta che usa un metodo industriale. Mi è stato detto che imparando lì avrei avuto in futuro un lavoro sicuro in mano. Non ho ancora iniziato e non sono certa di farlo, vorrei avere dei consigli da voi che avete già esperienza.

Ecco, ho sempre immaginato all'industriale come una modifica dell'artigianale cercando di produrre il più rapidamente possibile. E' corretto? Sbaglio a pensare che imparando a lavorare in modo tradizionale sia più facile passare alla produzione a taglie, piuttosto che fare viceversa?

Un'altra questione: in questo settore è normale che ditte piccole ma di lusso (centinaia di euro a capo, esportazioni, eccetera) tengano giovani ad imparare gratis anche per sei mesi? Mi sembra logico per la sarta libera professionista, ecco.

Sono confusa confused

Grazie ancora

Elentari
Curiosa/o
Curiosa/o

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 02.06.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  yellowblue il Mar Feb 14 2017, 12:32

Ciao!
Non so se posso esserti d'aiuto, ma io ho lavorato per sei mesi da una sarta che lavorava con metodo "industriale" i capi per le clienti. Se ho capito bene il lavoro che ti hanno proposto, anche lei ha lavorato per due anni in una piccola ditta che usava il metodo industriale e per lei è stata una bella esperienza anche perché ha imparato molto.

Detto questo, parliamo del lavoro gratis (che personalmente trovo davvero fuori luogo). Nella mia regione (il Friuli Venezia Giulia) esiste un programma chiamato PIPOL che, siccome è finanziato dalla Comunità Europea, immagino esista anche in altre regioni forse con un altro nome. Brevemente consiste in un persorso di apprendistato della durata massima di sei mesi in cui l'apprendista viene pagato 500€ al mese, parte dalla regione e parte direttamente dall'azienza. Prova a vedere se anche nella tua regione c'è un programma simile, ci sono un sacco di scartoffie da fare, ma almeno alla fine rimani con 3000€ in mano invece che niente. Fermo restando che la cosa migliore sarebbe che la ditta ti pagasse per il tuo lavoro: è vero che sei lì per imparare ma mentre sei lì lavori per loro, non rimani ferma a guardare.

E infine un consiglio: prova a chiedere se ti fanno vedere come lavorano prima di accettare o se ti fanno provare per qualche giorno per capire come funziona la ditta, così testi sul campo se la cosa possa interessarti o meno. Il mio dubbio è che ti mettano alla macchina da cucire e non ti facciano fare/vedere altro e allora forse non ne vale la pena.

yellowblue
Curiosa/o
Curiosa/o

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 11.02.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  *Cri* il Gio Feb 16 2017, 17:30

Dunque, ti rispondo anche io; le differenze tra capi sartoriali interamente cuciti a mano (come possono essere certe giacche), ovvero l'arte "couture", e quelli industriale, possono essere tantissime, dipende da che punto di vista le vogliamo vedere.
Ad esempio, la sarta solitamente fa un capo su misura, l'industria su taglia.
La sarta fa tutto dall'inizio alla fine, l'industria divide in compartimenti (la modellista, la cucitrice, la tagliatrice, etc).
Con le leggi fatte ad oggi è più che possibile lavorare gratuitamente a tirocinio; in fondo ora ti sembrerà pesante, ma stai imparando gratuitamente una cosa, e i dipendenti di quella ditta vengono pagati come se stessero confezionando, ma invece stanno insegnando a te, quindi la ditta non sta realmente guadagnando; di solito si fa per formare una persona che vuoi tenere con te in azienda.
Per la proposta di lavoro su metodo industriale, vacci, fai più esperienza che puoi; sono ambienti piuttosto difficili per chi non li conosce, si punta molto sulla velocità e potrebbero non trattarti proprio bene; è molto probabile che farai solo l' assemblatrice di capi già tagliati, ma è tutta esperienza guadagnata che ti faciliterà tantissimo il lavoro in seguito; se ti assumono, stappiamo una bottiglia Very Happy
avatar
*Cri*
*Admin*
*Admin*

Messaggi : 4589
Data d'iscrizione : 09.02.10
Età : 32

Vedi il profilo dell'utente http://www.forumdicucito.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  Elentari il Ven Feb 17 2017, 17:06

Ringrazio entrambe per la cortesia nel rispondermi!

Ok, quindi è un'esperienza che comunque può insegnarmi qualcosa di utile anche se vorrei fare la sarta proprio secondo le descrizioni di *Cri* (mi hai anche confermato le idee che avevo al riguardo dell'industria). Andrò sicuramente a vedere, allora!

Per quanto riguarda il contratto, controllerò se l'azienda aderisce (o sarebbe disposta ad aderire) a qualche programma come quello illustrato da yellowblue, o comunque proverò per vedere bene che genere di lavoro sia. Anche perché io stessa sono generalmente d'accordo con *Cri* riguardo al tirocinio gratuito, però se davvero le condizioni sono quelle: l'ultima volta una persona mi ha seguito un po' per i primi quattro giorni, per le altre settimane (sette, aspettavo il giorno in cui mi avrebbero almeno fatto vedere qualcos'altro...) ho lavorato da sola facendo la stessa cosa tutti i giorni, poi finito il lavoro facevo controllare a vista (nemmeno lo toccavano, proprio appeso alla gruccia, quindi 30 secondi) da una persona che per il resto del tempo aveva lavorato per conto suo rispondendo al massimo a qualche dubbio, senza interrompere il proprio lavoro. Non credo proprio che l'azienda non stesse guadagnando, in quei giorni, ed io ho imparato pochissimo di nuovo (esperienza molto formativa a livello umano comunque!).

Grazie ancora per i consigli e gli spunti di riflessione, vi aggiornerò!

Elentari
Curiosa/o
Curiosa/o

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 02.06.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  davide72 il Ven Feb 17 2017, 19:07

*Cri* ha scritto:Dunque, ti rispondo anche io; le differenze tra capi sartoriali interamente cuciti a mano (come possono essere certe giacche), ovvero l'arte "couture", e quelli industriale, possono essere tantissime, dipende da che punto di vista le vogliamo vedere.
Ad esempio, la sarta solitamente fa un capo su misura, l'industria su taglia.
La sarta fa tutto dall'inizio alla fine, l'industria divide in compartimenti (la modellista, la cucitrice, la tagliatrice, etc).
Con le leggi fatte ad oggi è più che possibile lavorare gratuitamente a tirocinio; in fondo ora ti sembrerà pesante, ma stai imparando gratuitamente una cosa, e i dipendenti di quella ditta vengono pagati come se stessero confezionando, ma invece stanno insegnando a te, quindi la ditta non sta realmente guadagnando; di solito si fa per formare una persona che vuoi tenere con te in azienda.
Per la proposta di lavoro su metodo industriale, vacci, fai più esperienza che puoi; sono ambienti piuttosto difficili per chi non li conosce, si punta molto sulla velocità e potrebbero non trattarti proprio bene; è molto probabile che farai solo l' assemblatrice di capi già tagliati, ma è tutta esperienza guadagnata che ti faciliterà tantissimo il lavoro in seguito; se ti assumono, stappiamo una bottiglia Very Happy

La domanda è , ma la confezione in Italia esiste ancora? Gli unici che resistono sono piccole realtà di max 2/3 addetti che fanno produzione minima ma di qualità ormai tutto è portato all'estero dove la mano d'opera costa 1/10 o al massimo dai cinesi in Italia che lavorano 20 ore su 24.L'idea giusta sarebbe quella di imparare un arte( il cucito lo è) e poi tentare la produzione artigianale.
avatar
davide72
Super Mani di Fata
Super Mani di Fata

Messaggi : 1419
Data d'iscrizione : 10.03.14
Età : 45
Località : Pavia

Vedi il profilo dell'utente http://ellebipv.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  Elentari il Ven Feb 17 2017, 20:04

davide72 ha scritto:La domanda è , ma la confezione in Italia esiste ancora? Gli unici che resistono sono piccole realtà di max 2/3 addetti che fanno produzione minima ma di qualità ormai tutto è portato all'estero dove la mano d'opera costa 1/10 o al massimo dai cinesi in Italia che lavorano 20 ore su 24.L'idea giusta sarebbe quella di imparare un arte( il cucito  lo è) e poi tentare la produzione artigianale.

La mia idea sarebbe questa, infatti E spero davvero che sia possibile viverci!

Elentari
Curiosa/o
Curiosa/o

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 02.06.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: artigianale vs industriale

Messaggio  davide72 il Dom Feb 19 2017, 19:16

Elentari ha scritto:
davide72 ha scritto:La domanda è , ma la confezione in Italia esiste ancora? Gli unici che resistono sono piccole realtà di max 2/3 addetti che fanno produzione minima ma di qualità ormai tutto è portato all'estero dove la mano d'opera costa 1/10 o al massimo dai cinesi in Italia che lavorano 20 ore su 24.L'idea giusta sarebbe quella di imparare un arte( il cucito  lo è) e poi tentare la produzione artigianale.

La mia idea sarebbe questa, infatti E spero davvero che sia possibile viverci!

Un' Amica ha fatto un corso di taglio e cucito per tre anni, fa degli abiti in seta soprattutto che sono eccezionali.
avatar
davide72
Super Mani di Fata
Super Mani di Fata

Messaggi : 1419
Data d'iscrizione : 10.03.14
Età : 45
Località : Pavia

Vedi il profilo dell'utente http://ellebipv.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum